Parliamo in modo Controcorrente del Blockchain (e capiamo cosa è)

Oggi sentiamo parlare di Blockchain in modo sempre più frequente.

Troppo spesso il BlockChain è unito al concetto di Criptocurrency (Bitcoin e tutte le altre). Ma la verità che sta dietro a questa unione sta nel fatto che oggi, gennaio 2018, non possiamo sapere se Bitcoin avrà un futuro, mentre possiamo dire con certezza che la tecnologia blockchain rivoluzionerà le nostre vite.

Ma cosa è sto BlockChain?

Credo sia una domanda più che legittima, perché alla fine tutti ne parlano ma pochi hanno capito cosa realmente è.
Non voglio spiegarlo qui, altrimenti questo articolo diventerebbe lunghissimo (e noioso) ma credo che la spiegazione che da Wikipedia è davvero fatta bene che trovi cliccando qui.

Fondamentalmente il Blockchain migliorerà tantissimi aspetti quali:

  • Pagamenti
  • Micropagamenti
  • Database
  • Contratti
  • Sistemi di memoria
  • Quotazioni

Insomma è un sistema in cui vengono registrati dati senza nessuna possibilità di modifica o alterazione, pertanto fornendo una sicurezza (e una privacy) sino ad oggi mai raggiunta.

Per il tipo di attività che faccio,  questa tecnologia mi interessa moltissimo perché potrebbe migliorare tantissimi aspetti delle mansioni che ogni giorno svolgo e sono davvero impaziente di vedere come questo potrà migliorare moltissime procedure.

The economist e ritiene, tra l’altro, che il 2018, sarà l’anno in cui questa tecnologia diventerà ad uso comune, e, visto che questo blog nasce proprio con l’intento di essere vigile e attento ai nuovi business ecco che sicuramente un articolo era dovuto.

Ma tornando a noi, oggi il Blockchain è oggettivamente un oggetto con un grande futuro ma ancora con dei limiti e dei margini di miglioramento pazzeschi; per poterti fare un esempio oggi il blockchain è come internet quando ci si connetteva con la 56k e il modem attaccato alla linea telefonica.

Se vuoi dei numeri a supporto risulta che le transazioni economiche per quanto sicure sono lentissime:

  • su blockchain oggi si possono fare 7 transazioni ogni secondo
  • su circuiti come Visa e MasterCard oggi si possono fare 60 mila transazioni al secondo

Aggiungo anche che per stessa natura del blockchain, non potendo essere più modificabile, qualora vi fossero contestazioni, restituzioni, frodi con quella tecnologia non potrai far nulla.

«Ho visto un memorabile thread da parte di alcune persone il cui conto in bitcoin era stato prosciugato perché la loro email era stata hackerata e la loro passwod rubata. Erano scioccati dal fatto di non poter fare ricorso!» fonte Linkiesta.

Anche sui micro pagamenti, le prestazioni attuali lasciano a desiderare parecchio:

  • su blockchain tramite bitcoin una transazione ci mette 8 minuti per essere visualizzata
  • con i sistemi “plastic” di pagamento attuale è praticamente immediata

Potrebbero esserci, comunque, interessanti sviluppi in tempi brevi se si utilizzasse questa tecnologia per le votazioni, per i sondaggi e per determinate azioni informative mono direzionali.

L’obiettivo di questo articolo, quindi, è dire che esiste questa nuova tecnologia, farti capire a cosa può servire, ma nello stesso tempo dobbiamo renderci conto che è ancora tutto in cantiere.

In ogni caso, rimarrei molto attento all’evoluzione della cosa perché potrebbe riservarci grandi sorprese.

VIDEO BONUS

Guarda questo video di Federco Pistono, che seguo con molto interesse in merito al tema, davvero illuminante.

 Enrico Pisani
Tutti i diritti sono riservati, non è permessa la duplicazione se non citando la fonte.

 

 

 

Commenti

commenti